• 60
  • 0

Dopo 35 anni di ricerche, gli scienziati hanno appena iniziato a comprendere l’importanza Sistema Endocannabinoide umano (HEcS). La scoperta di HEcS è probabilmente la scoperta più importante nella fisiologia umana alla fine del XX secolo. La ricerca ha rivelato che l’HEcS è responsabile del mantenimento e del controllo del corpo omeostasi, o regolazione equilibrata di ogni sistema del corpo. Lo fa attraverso due noti recettori chiamati CB1 e CB2.
Mentre il corpo produce i propri cannabinoidi endogeni, molti scienziati suggeriscono che la maggior parte delle persone soffre ora di “carenza di cannabinoidi”. Senza sufficienti cannabinoidi nella nostra dieta, HEcS opera a livelli di efficienza inferiori al picco, con un conseguente declino generale della salute generale. Integrare le nostre diete con fitocannabinoidi a spettro completo può essere un componente essenziale per raggiungere una salute ottimale.

I recettori dei cannabinoidi primari sono identificati come recettori dei cannabinoidi di tipo 1 (CB1-R) e dei recettori dei cannabinoidi di tipo 2 (CB2-R). I recettori possono essere “sbloccati” da tre tipi di cannabinoidi:

  1. Gli endocannabinoidi
    Cannabinoidi di acidi grassi endogeni prodotti naturalmente nel corpo (ad es. Anandamide e 2-AG)
  2. fitocannabinoidi
    Concentrato nella resina oleosa dei germogli e delle foglie di piante come la cannabis (ad es. THC e CBD)
  3. Cannabinoidi sintetici
    Prodotto con mezzi artificiali come in un laboratorio

Il sistema endocannabinoide si trova in ogni animale, ad eccezione degli insetti, e regola una vasta gamma di funzioni biologiche. L’ECS è un sistema di controllo biochimico dei lipidi neuromodulatori (molecole che includono grassi, cere, steroli e vitamine liposolubili come le vitamine A, D, E, K e altri) e recettori specializzati configurati per accettare determinati cannabinoidi. In generale, un determinato recettore accetterà solo particolari classi di composti e non sarà influenzato da altri composti, così come è necessaria una chiave specifica per aprire una serratura.

Recettori specializzati si trovano in tutto il corpo umano, inclusi ma non limitati a, nell’ippocampo (memoria, apprendimento), nella corteccia cerebrale (processo decisionale, comportamento emotivo), nel cervelletto (controllo motorio, coordinazione), nel putamen (movimento, apprendimento ), l’ipotalamo (appetito, temperatura corporea) e l’amigdala (emozioni). Quando un cannabinoide specifico o una combinazione di cannabinoidi si legano a un recettore specializzato, un evento o una serie di eventi, viene attivato nella cellula, provocando un cambiamento nell’attività della cellula, nella sua regolazione genica e / o nei segnali che invia ai vicini le cellule. Questo processo è chiamato “trasduzione del segnale”.

Rilevata per la prima volta nel cervello, la scienza ora mostra che il CB1-R si trova anche in molti altri organi, tessuti connettivi, gonadi e ghiandole. Il CB1-R non si trova nel midollo allungato (la parte del tronco encefalico responsabile delle funzioni respiratorie e cardiovascolari). Il CB1-R svolge un ruolo importante nel coordinamento dei movimenti, dell’orientamento spaziale, delle percezioni sensoriali (gusto, tatto, olfatto, udito), delle prestazioni cognitive e della motivazione.

La funzione più importante del CB1-R è la riduzione della segnalazione eccessiva o inadeguata da parte dei neurotrasmettitori (messaggeri) nel cervello. Con l’attivazione del CB1-R, l’iperattività o ipoattività dei messaggeri (ad es. Serotonina, dopamina) viene regolata nuovamente in equilibrio. Ad esempio, quando si lega al CB1-R, l’attività nei circuiti del dolore viene inibita, con conseguente riduzione del dolore. Molti altri sintomi come nausea, spasticità muscolare e convulsioni possono essere alleviati o ridotti con la terapia con cannabinoidi.

I CB2-R sono principalmente associati al sistema immunitario e si trovano al di fuori del cervello in luoghi quali intestino, milza, fegato, cuore, reni, ossa, vasi sanguigni, linfociti, ghiandole endocrine e organi riproduttivi. Fino a poco tempo fa, si riteneva che il CB-2R non avesse alcun ruolo con le cellule nervose o i fasci. Tuttavia, gli studi ora dimostrano che svolge anche un ruolo importante nell’elaborazione del segnale del cervello.

Un terzo recettore che ottiene poca attenzione è il potenziale recettore transitorio di tipo vanilloide (TRPV1). La funzione di TRPV1 è di rilevare e regolare la temperatura corporea. Inoltre, TRPV1 è responsabile delle sensazioni di calore e dolore esterni estremi ed è soggetto a desensibilizzazione. Pertanto, se continuamente stimolato, il percorso alla fine rallenterà o addirittura si fermerà. Questo solleva terapeutico possibilità per gli agenti di trattare efficacemente determinati tipi di dolore neuropatico.

 

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Seleziona Lingua »