Cosa è la Cannabis Indica

La cannabis indica è una pianta annuale della famiglia delle Cannabaceae. È una specie putativa del genere Cannabis. Se esso e la Cannabis sativa siano specie veramente separate è una questione di dibattito. La pianta di Cannabis indica è coltivata per molti scopi; ad esempio, le fibre vegetali possono essere convertite in tessuto.

La cannabis indica produce grandi quantità di tetraidrocannabinolo (THC). Le concentrazioni più elevate di THC forniscono effetti euforici e inebrianti che lo rendono popolare sia per uso ricreativo che medicinale.

Tassonomia

Nel 1785, Jean-Baptiste Lamarck pubblicò una descrizione di una seconda specie di Cannabis , che chiamò Cannabis indica . Lamarck ha basato la sua descrizione delle specie appena nominate su esemplari vegetali raccolti in India. Richard Evans Schultes descrisse la C. indica come relativamente corta, conica e densamente ramificata, mentre la C. sativa era descritta come alta e ramificata. Loran C. Anderson ha descritto le piante di C. indica con foglie corte e larghe mentre quelle di C. sativa erano caratterizzate da relativamente lunghe e strette. Le piante di cannabis indica conformi alle descrizioni di Schultes e Anderson provengono dalla catena montuosa Hindu Kush . A causa del clima spesso rigido e variabile (inverni estremamente freddi ed estati calde) di quelle parti, la C. indica è adatta per la coltivazione in climi temperati.

Differenza tra C. indica e C. sativa

Esistono diverse differenze chiave tra Cannabis indica e Cannabis sativa . Questi includono altezza e statura, lunghezza internodale, dimensione e struttura delle foglie, dimensione e densità delle gemme, tempo di fioritura, odore, fumo ed effetti. Le piante di Indica tendono a crescere più corte e più attive delle piante di Sativa. Le varietà Indica tendono ad avere foglie larghe e corte con lame larghe corte, mentre le varietà Sativa hanno foglie lunghe con lame lunghe e sottili. I germogli delle varietà Indica tendono ad essere larghi, densi e voluminosi, mentre le varietà Sativa sono probabilmente fiori lunghi a forma di salsiccia.

In media, la Cannabis indica ha livelli più alti di THC rispetto al CBD , mentre la Cannabis sativa ha livelli più bassi di THC rispetto al CBD.Tuttavia, esiste un’enorme variabilità all’interno di entrambe le specie. Uno studio del 2015 mostra che il contenuto medio di THC dei più popolari prodotti a base di cannabis a base di erbe nei Paesi Bassi è leggermente diminuito dal 2005. 

Nella recente era della cannabis, i ceppi di CBD ad alto rapporto sono stati sviluppati da origini Indica che possono essere testati come 1: 1 (CBD-THC bilanciato) o addirittura alti come 22: 1 (CBD dominante). Gli interessi medici nella Cannabis lo stanno spingendo oltre e vedremo crescenti tendenze di coltivazione per più varietà sviluppate con rapporti dominanti il ​​CBD. In California città come Coachella e Desert Hot Springs stanno riqualificando le aree per la coltivazione della cannabis. Anche se i californiani hanno legalizzato l’uso ricreativo della cannabis alla fine del 2016, il Los Angeles Times, prima del voto, ha segnalato un focus imprenditoriale sulle colture di canapa mediche dominanti il ​​CBD, “La domanda di prodotti medici era così alta, questo [380.000 piedi quadrati (35.000 m 2 ) espansione della coltivazione] era solo per colmare il bisogno di questo “. Bassa ansia e proprietà allucinogene (effetti psicoattivi del THC ridotti dal CBD) rendono questi “ceppi ad alto contenuto di CBD” molto desiderabili per i programmi di trattamento cronico.

Esistono tre tipi chemiotassonomici di cannabis : uno con alti livelli di THC, uno più fibroso e con livelli più alti di CBD e uno che è un intermedio tra i due.

Varietà di cannabis con CBD: i rapporti THC superiori a 5: 2 sono probabilmente più rilassanti e producono meno ansia rispetto viceversa. Ciò può essere dovuto agli effetti antagonistici del CBD sui recettori dei cannabinoidi , rispetto all’effetto agonista parziale del THC. Il CBD è anche un agonista del recettore 5-HT 1A ( serotonina ), che può anche contribuire a un effetto di contenuto ansiolitico. Gli effetti della sativa sono ben noti per il suo massimo cerebrale. Gli utenti possono aspettarsi un high più vivido ed edificante, mentre indica è ben nota per i suoi effetti sedativi che alcuni preferiscono per l’uso notturno. Indica possiede un’esperienza più calmante, calmante e paralizzante in cui può essere usato per rilassare o alleviare il dolore. Entrambi i tipi sono usati come cannabis terapeutica .

Durante gli anni ’70, le varietà di Cannabis indica provenienti dall’Afghanistan e dal Pakistan settentrionale, in particolare dalla catena montuosa dell’Hindu Kush, furono portate negli Stati Uniti, dove furono sviluppati i primi ibridi con piante di Cannabis sativa provenienti da aree equatoriali, diffondendo ampiamente la coltivazione di marijuana in tutti gli Stati Uniti.

Piante con livelli elevati di cannabinoidi propilici, tra cui tetraidrocannabivarina (THCV), sono state trovate in popolazioni di Cannabis indica provenienti da India, Nepal, Thailandia, Afghanistan e Pakistan, nonché dall’Africa meridionale e occidentale. Sono stati segnalati livelli di THCV fino al 53,7% dei cannabinoidi totali.

Il nome indica originariamente si riferiva alla zona geografica in cui la pianta era coltivata. Se la C. sativa e la C. indica siano specie separate è ancora oggetto di dibattito. Tuttavia, l’indagine sulle differenze chemiotassonomiche supporta un’ipotesi di due specie.

Genoma

Nel 2011, un team di ricercatori canadesi guidati da Andrew Sud ha annunciato di aver sequenziato una bozza del genoma della varietà Purple Kush di Cannabis indica.

Seleziona Lingua »
bursa escort - izmit bayan escort - escort mersin - eskişehir bayan escort - adana bayan escortbursa escort - izmit bayan escort - escort mersin - eskişehir bayan escort - adana bayan escort